• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

CONGRESSO AIC 2019... ci siamo!

mkl1

Socio AIC
E' sempre un piacere ritrovarsi e conversare con così tanta passione riguardo ai nostri amici pinnuti!!!

Peccato solo aver avuto domenica pomeriggio lo spettro della fine del Gran premio di MotoGp che ci avrebbe inevitabilmente bloccato a Cattolica per ore!!

Grazie!!!!!
 

livleo

Presidente AIC
Membro dello Staff
Un paio di immagini dei relatori.

Erwin Bressmer ha mostrato uno spaccato della biodiversità della costa del Malawi da Chisumulu a Likoma. Di grande interesse e qualità tecnica i filmati.

DSC_9588_01-min.jpg

Anton Lamboj che torna in Italia a 10 anni di distanza dall'ultimo suo intervento ha presentato il genere Pelvicachromis con la sua consueta maestria ed esperienza.

DSC_9560_01-min.jpg
 

livleo

Presidente AIC
Membro dello Staff
Hai ragione, la prossima volta riusciremo a parlare di più. È davvero come il primo giorno 26 anni fa. Incontrarsi regala sempre grandi emozioni.
 

fastfranz

Socio AIC
Il Congresso AIC, dal mio punto di vista ...

Ciao

Io ... c'ero! Esserci mi è costato 10.000 Km (e venti ore di viaggio) e lo stesso mi costerà il ritorno (ormai imminente) ma ne è valsa la pena!

Ho apprezzato la relazione di Lamboj che, dal canto suo, mi ha allineato brevemente (bontà sua) sull'utilizzo dei campioni biologici che, con infinite peripezie, gli feci pervenire, alcuni anni addietro, dalla Costa d'Avorio.

Ho anche saputo che Livio gli ha consegnato campioni (piccoli pezzi di pinne se ho ben capito ...) degli Hemichromis "rossi" (anche loro ivoriani, che Livio e Lorenzo allevano nelle loro vasche) per una corretta identificazione. Sulla base delle foto ci sono discordanze tra la sua opinione e quella degli ittiologi dell'Università Nangui Abrogoua (Abidjan), vedremo chi la "spunterà"!

Da ultimo ho appreso che forse verrà - per suoi studi - in Viet Nam (in futuro, se/quando accadrà spero di essere ancora li e di poterlo accompagnare in campo).


E che dire di Erwin? Durante le simpatiche chiacchiere che sempre si inframezzano ai momenti "cattedratici" ricostruendo le nostre vicende malawiane (più numerose le sue) abbiamo realizzato che tutti e due eravamo nella spedizione - la mia prima, occasione in cui mi sono ammalato d'Africa. Irrimediabilmente) al lago del 1997 nel viaggio organizzato, allora, da Andreas Spreinat e capitanato, sul campo, da Erling Johannsen (che non è un ciclidofilo ma è, comunque, un grande conoscitore d'Africa).

Non male come "bottino" per una breve sosta di due giorni in Terra di Romagna.

Asiatici - di nuovo, a brevissimo ... - saluti

Francesco

PS: vado un po O.T. ed aggiungo - per AIC ho rinunciato alla gara - che sono un grande appassionato di moto (come qualcuno saprà): il fatto che MM93 li abbia presi tutti, sonoramente, a "mazzate" è stata la ciliegina sulla torta ...
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 1/2021
•Ne ho visti di tutti i colori…(ovvero i Discus all’orientale”) di Francesco Zezza
•Un Malawi “fatto in casa“ di Luca Zucchero
•Lamprologus ocellatus di Denis Lampredi
•I tropici dietro casa di Lorenzo Tarocchi e Nicola Fortini
•Veloci, sempre più veloci. L’evoluzione dei ciclidi del lago Tanganica di Livio Leoni
Arretrati

Alto