• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Filtro per Juwel Rio 450

Buongiorno a tutti.
Sono nuovo del forum e del mondo dei ciclidi quindi scusate l'incompetenza in merito.
Sono in procinto di acquistare un nuovo acquario Juwel Rio 450 che monta di default un filtro interno Bioflow XL.
Ora, il mio intento è quello di creare un biotopo per Ciclidi del centro america e volevo chiedervi se secondo voi il filtro in questione era sufficiente o meno e se qualcuno aveva esperienze su questo filtro.
Se eventualmente non lo fosse, conviene affiancare un filtro esterno(quale?) a quello interno oppure rimuovere totalmente il filtro interno a favore di un unico filtro esterno?
Grazie a chi vorrà aiutarmi
Saluti
 

Hank

Socio AIC
Ciao, io credo che possa andar bene il filtro interno, lo uso in una vasca(Juwel Rio 450) con Mbuna in overstock e l'unica cosa che ho cambiato è la pompa, in favore di una più potente.
 

Hank

Socio AIC
Tutto dipende da quanti pesci inserirai, più sono e più alto è il carico organico. Poi alcuni centroamericani sono dei bistecconi, le feci sono proporzionali alla dimensione. :)
 
Se non sono troppo difficili da tenere per un neofita punterei ad uno sfondo 3d sabbia fine qualche roccia e una dozzina di tropheus a sto punto.Passare dal Centro America al Tanganyika
 

Hank

Socio AIC
Qui mi trovi di parte. :)
Di Tropheus ne puoi inserire anche 15/20, più sono e più mitighi l'aggressività. Stai solo attento a non creare troppi punti di riferimento col layout.
Parti con la specie che più ti piace e se possibile con un gruppo di piccoli, crescendo insieme vedi lo svilupparsi delle gerarchie e aumenti la probabilità di successo di convivenza.
 

Hank

Socio AIC
Tra i due che citi preferisco i duboisi, sarà perché sono stati il mio primo amore...
C'è chi dice che siano i più tranquilli, quindi i più adatti per cominciare l'avventura coi Tropheus, anche se il mio consiglio è di partire con la specie che più ti piace.
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 1/2021
•Ne ho visti di tutti i colori…(ovvero i Discus all’orientale”) di Francesco Zezza
•Un Malawi “fatto in casa“ di Luca Zuccaro
•Lamprologus ocellatus di Denis Lampredi
•I tropici dietro casa di Lorenzo Tarocchi e Nicola Fortini
•Veloci, sempre più veloci. L’evoluzione dei ciclidi del lago Tanganica di Livio Leoni
Arretrati

Alto