• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Vasca esterna per Apistogramma...senza riscaldatore

Salve a tutti ragazzi,
secondo voi è possibile ricreare questa vasca, all'esterno e tutto l'anno?
Io mi trovo a Roma, la temperatura varia dai 18 ai 1-2 gradi per il periodo invernale...è una pazzia vero?

Grazie e buona serata a tutti!
 

livleo

Presidente AIC
Membro dello Staff
Salve a tutti ragazzi,
secondo voi è possibile ricreare questa vasca, all'esterno e tutto l'anno?
Io mi trovo a Roma, la temperatura varia dai 18 ai 1-2 gradi per il periodo invernale...è una pazzia vero?

Grazie e buona serata a tutti!
1-2 gradi mi sembrano pochi anche gli Apistogramma più rustici
 
Assolutamente non è mia intenzione, mi ritrovo con una vaschetta da 1 metro in terrazzo e non avendo prese all'esterno volevo vedere se fosse possibile.
Immaginavo una risposta del genere, diciamo che speravo che qualche ciclide di piccola dimensione potesse viverci..tutto quà.
 
Ciao, grazie della risposta!
Si l'idea é proprio quella, visto i pesci che mi hai consigliato potrei accoppiarli con dei Macropodus Opercularis..
Certo, non si parla più di ciclidi a quel punto
 
Ciao,
in posti in cui la notte vai sottozero o poco sopra lo zero l'acqua rimane comunque abbastanza calda e difficilmente scende sotto i 10/12°C per i ciclidi africani più meridionali e i 12/14 per gli apisto più meridionali (commbrae e trifasciata).

Ciao Enrico
 
Ciao, scusa se non ho risposto, non avevo visto.
Ah bene, io non so la temperatura che raggiunge l'acqua la notte qui a Roma..diciamo che i 0 gradi sono un eccezione.. ma quindi non ho capito se mi consiglieresti le specie da te citate..

Grazie mille!!
 
Ciao,
no, nessuno. In pochi litri d'acqua la temperatura scende come quella dell'aria e i ciclidi, anche quelli più meridionali o di montagna, non sopportano quelle temperature. Potresti tenerli solo da primavera ad autunno inoltrato ma non tutto l'anno e controllando che d'estate non salgano troppo le temperature. Io ho tenuto tantissime vasche all'aperto per tutto l'anno ma con pesci che sopportano meglio dei ciclidi il freddo. Con i ciclidi non puoi scendere troppo e devi metterli in casa o comunque al riparo (box, cantina, etc.) nel periodo molto freddo.

Ciao Enrico
 
Ciao Enrico,

Grazie mille delle delucidazioni.
Per curiosità, vorresti dirmi quali specie hai allevato all'aperto?
So che é possibile con le Medaka (ma non mi fanno impazzire), Macropodus (anche altre specie di anabantidi)?

Grazie e buona giornata
 
Ciao,
un'infinità...... Ho avuto vasche (e spesso catini/pozza o giardino) per una ventina di anni. E non solo pesci ma anche gamberi. Fra le specie più interessanti ci sono gli spinarelli, che costruiscono nidi bellissimi, oppure i notropis, che in riproduzione sono spettacolari. poi gli etheostoma, interessantissimi o comunque tutti i nordamericani di taglia medio/piccola.

Ciao Enrico
 
Tu sei di Roma, come me! Tutti i laghi dell'alto Lazio ne sono pieni! Ne ho visti a decine facendo snorkeling a Bracciano, Martignano, Bolsena, ecc... Ovviamente come prenderli è tutta un'altra storia! Io proverei con delle piccole nasse. Ma non sono sicuro che sia legale...
 
I persico sole sono molto famelici e abboccano anche solo all'amo senza esca. Piuttosto però la vasca non deve essere piccolissima perché in fase di difesa del nido i maschio è molto aggressivo.

Saluti
Enrico
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 1/2021
•Ne ho visti di tutti i colori…(ovvero i Discus all’orientale”) di Francesco Zezza
•Un Malawi “fatto in casa“ di Luca Zuccaro
•Lamprologus ocellatus di Denis Lampredi
•I tropici dietro casa di Lorenzo Tarocchi e Nicola Fortini
•Veloci, sempre più veloci. L’evoluzione dei ciclidi del lago Tanganica di Livio Leoni
Arretrati

Alto