• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

aiuto scelta conchigliofili

Ghino

Utente
Ciao a tutti, sono in procinto di allestire una vasca monospecifica per una specie di conchigliofili ma non riesco a decidere quali.

La vasca misura 62x32

I miei preferiti e i primi che prenderei sarebbero i Sumbu shell ma non so se le misure me lo permettono. Voi esperti che dite?


Altrimenti il negozio dove potrei prenderli (afrofish) ha a listino i brevis, boulengeri, ocellatus, ornatipinnis, signatus, similis.

Scarterei i multifasciatus che tra tutti i conchigliofili sarebbero i più semplici ma a me le cose semplici non piacciono tanto :p non amo poi il fatto che scavano come ruspe.
nell'allestimento vorrei anche mettere qualche roccia per spezzare un layout che altrimenti sarebbe forse troppo monotono.

Vostre esperienze sul comportamento?
Grazie a tutti.

P.s. sarebbe il mio primo Tanganica ma ho esperienze con i cicllidi (nani) del Sud America che già allevo.
 

livleo

Presidente AIC
Membro dello Staff
Ciao

ecco qualche articolo tratto da alcuni nostri vecchi bollettini:

http://www.aiconline.it/articoli-ci...mprologus-meleagris-1-99-di-m-balzaretti.html

http://www.aiconline.it/articoli-ci...nganyikan-sheldweller-2-95-di-ad-konings.html

L'ocellatus è una iena travestita da ciclide nano. Eviterei in vasche piccole. Io andrei per i brevis, sono i più gestibili.




Ciao a tutti, sono in procinto di allestire una vasca monospecifica per una specie di conchigliofili ma non riesco a decidere quali.

La vasca misura 62x32

I miei preferiti e i primi che prenderei sarebbero i Sumbu shell ma non so se le misure me lo permettono. Voi esperti che dite?


Altrimenti il negozio dove potrei prenderli (afrofish) ha a listino i brevis, boulengeri, ocellatus, ornatipinnis, signatus, similis.

Scarterei i multifasciatus che tra tutti i conchigliofili sarebbero i più semplici ma a me le cose semplici non piacciono tanto :p non amo poi il fatto che scavano come ruspe.
nell'allestimento vorrei anche mettere qualche roccia per spezzare un layout che altrimenti sarebbe forse troppo monotono.

Vostre esperienze sul comportamento?
Grazie a tutti.

P.s. sarebbe il mio primo Tanganica ma ho esperienze con i cicllidi (nani) del Sud America che già allevo.
 

cyatide

Moderatore
Ciao a tutti, sono in procinto di allestire una vasca monospecifica per una specie di conchigliofili ma non riesco a decidere quali.

La vasca misura 62x32

I miei preferiti e i primi che prenderei sarebbero i Sumbu shell ma non so se le misure me lo permettono. Voi esperti che dite?


Altrimenti il negozio dove potrei prenderli (afrofish) ha a listino i brevis, boulengeri, ocellatus, ornatipinnis, signatus, similis.

Andando per esclusione:
- no similis: più o meno stesso comportamento dei multi
- no ocellatus: come detto da Livio troppo aggressivi per quella vasca
- no boulengeri: vasca troppo piccola

rimangono: ornatinnis (di cui non so dirti nulla perché non li ho mai tenuti); signatus, che a me piacciono moltissimo e che penso siano troppo trascurati, e infine i brevis, senz'altro i più gestibili per la scarsissima aggressività fra esemplari di sesso diverso. Comunque credo che molto difficilmente potrai tenere più di una coppia qualunque specie tu scelga.
 

Ghino

Utente
Innanzitutto grazie.

Da quello che ho letto i similis sono meno scavatori dei multi ma non ho riscontri diretti.

In generale per la prole come mi dovrò comportare? Possono stare in vasca fino alla formazione di una colonia o dovrò ogni volta trovargli una sistemazione?

Per i sumbu shell non c'è niente da fare eh?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
 

cyatide

Moderatore
In effetti i similis sono probabilmente meno scavatori, ne esistono popolazioni che vivono in ambiente roccioso senza conchiglie, se non ricordo male. A mio avviso sono anche decisamente più bellini dei multifasciatus.
Puoi tenere anche molti discendenti con i genitori (postresti partire anche con un trio) anche se qualcuno tenderà ad allontanarsi o a essere scacciato per cui dovrai poi toglierlo per evitargli un brutta fine.

Forse potresti anche provare con i Sumbu, ma i maschi sono decisamente poco tolleranti con le femmine non pronte alla riproduzione che dovrebbero avere quindi molti nascondigli a disposizione per i momenti di pericolo.
 

Ghino

Utente
Ciao!

Sono quasi arrivato a fine maturazione, non vi avevo fatto vedere come ho sistemato l'acquario che ospiterà i conchigliofili.

Eccolo qui.

IMG_9222.jpg

IMG_9202.jpg
 

Sertor

Moderatore
Ciao, le rocce sono molto belle, da quale zona vengono? Nella tua regione ci sono molte lave più o meno antiche molto interessanti.
Le conchiglie, a mio avviso, sono troppo piccole. Cornu (ex Helix) aspersum, le più grandi, sono di una specie che non supera i 4 cm di diametro, le altre mi sembrano Eobania vermiculata che supera di poco i 3. Personalmente, anche per i multi uso quelle di Helix pomatia, di almeno 4-5 cm di diametro.
 

Ghino

Utente
Ciao sertor, le rocce credo siano basalto ma non ne sono così sicuro.

Per le chiocciole vedo che sei molto preparato. Per me sono tutte lumache [emoji23] lumache grosse e lumache piccole.
In giardino ho cercato di prendere le più grandi e poi ne ho presa qualcuna bianca perché nel tanganica i gusci originali mi sembrano chiari.
Sono ancora alla ricerca di lumache grandi perlustrando il giardino di tanto in tanto.

Martedì arrivano 4 neolamprologus similis.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
 

Sertor

Moderatore
Ottima scelta, secondo me sono molto più belli dei multi. Se ti servissero, ho diversi gusci di lumaca abbastanza grandi (dalle mie parti è comune Helix pomatia ;)). A settembre dovrei essere a Pisa per il congresso.
 

Ghino

Utente
Similis arrivati e inseriti

sono 4 esemplari, sperando di avere almeno 2 di sesso diverso.
Ma le galleggianti nel Tanganica come le vedete? Ho letto che si possono trovare Pistia, lemna e azolla. Io uso la pistia in altri 2 acquari e devo dire che è perfetta per aiutare nella gestione degli inquinanti e mi permette di allungare di molto la frequenza dei cambi.

intanto vi metto le foto dei miei Similis

IMG_9418.jpg

IMG_9421.jpg

IMG_9422.jpg


sapete cosa significa quando si mettono uno di fianco all'altro come nell'ultima foto?
Grazie
 

Sertor

Moderatore
Le galeggianti male non fanno, io uso Salvinia. Dalla foto sembrerebbe una parata di minaccia, con un video si capirebbe meglio.
 

Hank

Socio AIC
Concordo con Sergio, anche secondo me è una parata di minaccia.

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk
 
Ma le galleggianti nel Tanganica come le vedete? Ho letto che si possono trovare Pistia, lemna e azolla. Io uso la pistia in altri 2 acquari e devo dire che è perfetta per aiutare nella gestione degli inquinanti e mi permette di allungare di molto la frequenza dei cambi.

La pistia va benissimo e succhia tanto. Anche se con i conchigliofili in genere le sue radici non offrono cibo e rifugio come per avannotti di altre specie.

Ciao Enrico
 

Ghino

Utente
ho messo la Pistia. Come già detto non mi servirà in funzione dei pesci o avannotti ma in un acquario senza piante mi aiuterà non poco nello smaltire gli inquinanti.

Quando fanno le parate con le pinne completamente aperte sono bellissimi. Peccato siano timidi e ancora non si sono abituati al passaggio di noi umani vicino la vasca quindi si fiondano nelle conchiglie o dietro le rocce. Sono comunque riuscito a "rubare" qualche bella foto.
Chiedo agli esperti: è possibile stabilire il sesso dal numero di strisce? Alcuni sembrano avere più strisce di altri.

IMG_9456.jpg

IMG_9452.jpg

IMG_9450.jpg
 

cyatide

Moderatore
I primi due si direbbero maschi, il terzo, che pare più piccolo e con "lineamenti più dolci", potrebbe essere femmina.

Comunque di solito le femmine, che rimangono decisamente più piccole, assumono rapidamente un ventre più arrotondato e biancastro sul quale la striatura non arriva.

Non mi risulta che il numero delle strisce verticali sia un carattere che differenzia i maschi dalle femmine.
 

Sertor

Moderatore
Molto belli, complimenti. Seguo con in teresse perché non li ho mai tenuti, ma se e quando mi stancherò dei multi...
 

Ghino

Utente
ciao! Vi aggiorno sugli sviluppi.

Ho avuto nascite qualche giorno fa.
Credo a questo punto di avere 2M e 2F lo dico sulla base dei comportamenti, a livello morfologico non ci capisco molto.

Una femmina (quella che ha gli avannotti) è nella zona 1, l'altra femmina staziona vicino le conchiglie nella zona 2
Il maschio alpha si muove per tutta la vasca e ha relegato il maschio sottomesso nella zona 3 dietro delle rocce.

tanga.jpg
 

Ghino

Utente
Ciao, rispolvero questa discussione che non ho più aggiornato.

Ho tenuto questi stupendi pesci per un paio di anni con molte soddisfazioni.
Pesci dal comportamento stupendo, li consiglio vivamente. In una vasca come era la mia 60x30 si autoregolano: arrivati ad un certo numero di individui bloccano le riproduzioni poi se si sfoltiscono riprendono a riprodursi. Sono ciclidi di semplice gestione, hanno solo un po di timidezza e solo dopo molto tempo si sono abituati a me che li nutrivo.

Ho avuto molte riproduzioni e ho notato che la prima covata dava poi una mano alla mamma nelle cure parentali delle covate successive. Le cure non sono ai livelli degli apistogramma ma comunque ci sono.

Io dopo un paio di anni che li tenevo li ho ceduti.

IMG_0302.JPGIMG_0328.jpgIMG_0326.jpgIMG_0325.jpgIMG_0329.JPG
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 3/2021
• Nanochromis transvestitus (Roberts & Stewart, 1984) Un nano colorato e affascinante del Congo di Michel Keijman
• Tropheus: guida pratica all’allevamento e alla riproduzione di Mauro Parimbelli

Arretrati

Raduno AIC 2021

Alto