• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Allestimento rocciofili

Buonasera ragazzi...vi allego qualche foto del mio allestimento.
Vasca 100x40x40, filtro esterno JBL cristalprofi e902.
Sassi di fiume di dimensioni generose e sabbia edile... entrambe le rocciate arrivano fino al pelo dell' acqua e garantiscono circa una decina di tane. Eventualmente della Vallisneria tra le 2 potrebbe costituire ulteriore barriera visiva..
Mi sarebbe piaciuto usarlo per un monospecifico altolamprologus calvus... consigli, pareri, critiche? Di tanganika ne so poco ho cercato di fare un allestimento sensato ma non ne so molto 😅 sono aperto a ogni consiglio, eventualmente anche riguardo a una o due specie di rocciofili in alternativa..
Grazie 😉
Screenshot_20211109-172658_1.jpgScreenshot_20211109-172703_1.jpgScreenshot_20211109-172710_1.jpg
 

s-work

Utente
Ciao, ma credo che quell'allestimento che hai fatto non sia adatto a dei Calvus, io lo vedo più adatto a degli nbuma/malawi, la classica rocciata.
 
Ciao! Grazie mille... purtroppo sono totalmente inesperto sui ciclidi dei laghi africani, diciamo che sono andato a sentimento, se ho letto bene i calvus necessitano di ambiente roccioso con rocciate alte, ma le uniche foto che son riuscito a trovare son sempre di vasche Malawi e mi sarò fatto influenzare😅
Quindi... escludo il Malawi perché la vasca è piccola...come potrei migliorarla per calvus? Meno rocce e più ambiente sabbioso? Cambio disposizione? Sempre che siano una specie adatta alle misure a questo punto...non sono un pallino obbligatorio, li ho visti e mi erano piaciuti ma son aperto a ogni consiglio...
Magari cosi com'è la vasca potrebbe essere più adatta per qualche altra specie tipo julidochromis?
 

s-work

Utente
Si in effetti la vasca è piccola x un Malawi, quindi optare su Tanganica con specie giuste è meglio.
Io Tanganica ho un 130 cm. con un bel Calvus dentro (ne avevo 2) e devo dire che comunque è un pesce molto tranquillo e anche piuttosto timido, si muove poco. Julidochromis, neolamprologos bricardi, e qualche piccolo conchigliofolo li vedo bene . Fai una bella comunità con comportamenti molto interessanti.
Magari sentiamo cosa ne pensano anche altri più esperti di me.
 
Grazie di nuovo! Dunque ho già un altra vasca da 80x40 con due rocce grandi quanto un ananas a creare barriere e una 70 ina di gusci di lumaca...ho inserito 5 multifasciatus a maggio, inutile dire che sono infestanti ho una colonia brulicante di questo conchigliofilo😅 motivo per cui avevo scartato l idea di fare un monospecifico di brichardi nella vasca in oggetto del post...vorrei evitare una seconda colonia di cui dover gestire poi gli esuberi 🤔
Mentre aspettiamo altri, dato che tu i calvus li hai, potresti consigliarmi qualche modifica per adeguare questa vasca?!
 

s-work

Utente
Ciao, credo che i calvus una coppia, anche se è difficile distinguere il sesso, non abbiano bisogno della rocciata, un allestimento intermedio credo sia l'ideale, magari con qualche valisneria gigante. Poi vedo bene una coppia di julidochromis, e personalmente metterei una coppia di ciprychromis,che fanno un po di movimento, ce ne sono delle varietà molto belle
 

Sertor

Moderatore
Ciao a tutti. Personalmente cercherei solo di costruire tane strette e buie. Per il resto penso che le due rocciate separate siano una buona idea, vista la territorialità dei calvus.
Una coppia di Julidochromis dovrebbe starci, però i Cyprichromis in un metro non so se li rischierei. Forse dei Paracyprichromis, che sono molto più tranquilli.
 
Buonasera e grazie a entrambi ragazzi 😉 dunque ricapitolando..cerco di schiarirmi le idee..le due rocciate possono andare così quindi? Le ho costruite appositamente per creare appunto tane per i calvus, se però sono troppo 'massiccie' per intenderci , posso provare a sfoltire quella di sx e lasciare più spazio sabbioso tra le 2 e rendere l ambiente più intermedio... ricordo che la mia idea era un monospecifico per calvus ( c'è dimorfismo sessuale nei giovani? Che sex ratio, si forma poi una gerarchia?)...
Altrimenti l opzione è comprare una coppia sicura di calvus e una di julidochromis ( quali?) Che si spartiscano la vasca?
Non aggiungerei altre specie, non voglio caricare troppo avrò tempo per altri allestimenti😉
Scusate le mille domande e la confusione si tratta di un terreno nuovo per me😂
 

Sertor

Moderatore
Nei calvus il dimorfismo, dimensioni a parte, non è granché, quindi partirei da un gruppetto di giovani, a meno di trovare la coppia già formata. Coni Julidochromis farei lo stesso, lì potrebbe essere più facile trovare una coppia. Per questi ultimi potresti valutare ornatus, transcriptus e dickfeldi, marlieri, regani e marksmithi sono già un po' troppo grossi, secondo me.
 
Grazie della risposta...😊Oggi sono stato in serra e ho visto i giovani di calvus, sono veramente belli è un gruppo sicuramente finirà in vasca...
Domanda, come vedi i leleupi?
 

Sertor

Moderatore
Li ho avuti per qualche anno proprio in una vasca come la tua e con dei calvus (purtroppo due esemplari che mi avevano regalato e che si sono rivelati due maschi). Non ho avuto problemi particolari, anche se sono un po' più aggressivi dei Julidochromis, soprattutto in intraspecifico. Servono soprattutto molti nascondigli per la femmina.
 
Perché oggi ho visto pure loro e mi hanno intrigato...🤔 Niente dai appurato che le rocciate possono essere buone così, credo tane ce ne siano... e che prenderò un gruppetto di calvus vedrò poi quando torno in serra se accopparli con julidochromis o leleupi allora...🤔😊 La vasca sarà matura verso metà dicembre seguiranno aggiornamenti quando la popolo, grazie mille 🙏
 

Sertor

Moderatore
I leleupi sono bellissimi e interessanti, ma mi ricordo che riuscivano a predare i multi nelle loro conchiglie: per questo non li ho più allevati. Buon lavoro ;)
 
Buonasera ragazzi, ultimo aggiornamento...ieri mattina sono andato in serra e alla fine visto le misure della vasca mi sono orientato al monospecifico di calvus...ho preso 6 esemplari poco più piccoli di 10 cm li ho messi a dimora... inutile dire che nei sacchetti è stata l ultima volta che li ho visti, sono di una timidezza infinita oggi in tutta la giornata non uno ha abbandonato le rocciate 😅 so che sono molto schivi, le rocciate sono piene di anfratti e non speravo di vederli gironzolare il primo giorno 😅😂 da domani inizierò con pazienza a cercare di corromperli con vivo e congelato così vediamo se passano fuori e come evolverà la vasca 👍Screenshot_20211205-194857_1.jpgScreenshot_20211205-194905_1.jpg
 
Si sono dei begli esemplari...ma ragazzi che timidi..nemmeno il vivo li ha tirati fuori dalle tane oggi mentre ero davanti alla vasca... immagino che usciranno a mangiare in serata che son tranquilli e non c'è nessuno, domani si riprova 😅
 
Grazie mille! Stamattina prima di lavoro son entrato in taverna a tradimento e 2 che pascolavano son ben riuscito a vederli😂 diciamo che l.acquario pieno di movimento non è la mia priorità per ora, non è la mia vasca principale che ho in salotto, quindi per ora paziento e vedo come evolve sto gruppetto, se si dovesse formare una coppia e se si abitueranno a farsi vedere un po' di più..mi piacerebbe che si ambientino bene e che stiano bene, magari riesco a vedere qualche comportamento interessante ...poi in primavera vediamo come va e magari valuto un integrazione con qualche specie più movimentata o un alleggerimento delle rocciate se proprio sembra di allevare sassi 😂
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 1/2022
• Cynotilapia sp. lion Ntekete Liwani”. Esperienze di allevamento di Pablo Innocenzo Bertellotti
• Lufubuchromis relictus. Un nuovo ciclide Haplochromino dallo Zambia settentrion
ale testo e foto di Michel CW Keijman
• Hemichromis sp. “upper Niger”. Un nuovo ciclide gioiello. di Uwe Werner • Esportazioni dal lago Malawi: i primi dati. di Livio Leoni di Lampredi Denis Pier Paolo

Arretrati

Alto