• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Allestimento Tanganika in juwel rio 125 l

Da giovedì sono riuscito ad inserire i pesci. Ho cambiato però la specie rispetto a quanto ipotizzavo precedentemente ed ho optato per 4 Lamprologus caudopunctatus (Kapampa orange). Non riesco ancora a capire il loro sesso, ma vedo che sono molto attivi, con uno di loro che si scaccia continuamente un altro pesce . Ad oggi non sembrano minimamente interessati alle conchiglie o alla sabbia, ma si muovono liberamente in vasca, nascondendosi ogni tanto sotto o in mezzo alle rocce e non sembra che la pompa di movimento in superficie sia fastidiosa per loro. Come mangime uso una volta al giorno SHG PREMIUM HI GREEN.

https://www.superhigroup.com/prodotto/acquario-tropicale/mangimi/linea-premium/hi-green/

Cosa ne pensate, potrei provare (come avevo ipotizzato durante la fase di progettazione) ad inserire un'altra specie fra multifasciatus-ocellatus-sumbu shell oppure Julidochromis transcriptus?
 

Allegati

  • IMG_1149.jpeg
    IMG_1149.jpeg
    497,1 KB · Visite: 6
  • IMG_1148.jpeg
    IMG_1148.jpeg
    684,4 KB · Visite: 6
Direi di sì, una qualsiasi delle 3 dovrebbe andare. Normale che i caudo non si interessino a sabbia e conchiglie: non sono conchigliofili, anche se le usano qualche volta. Quindi i sumbu userebbero le conchiglie (una per esemplare, ovviamente ne serviranno comunque diverse), mentre per gli altri dovresti aggiungere rocce per dare modo alle coppie di firmare territori distinti.
 
Salve a tutti,
Desidero condividere con voi alcuni aggiornamenti sulla situazione della mia vasca, che ritengo estremamente positiva. Attualmente, i parametri sono in perfetto equilibrio e i miei caudapuntatus hanno dimostrato una notevole capacità di adattamento. Tra loro, un maschio in particolare si è distinto per la sua aggressività, manifestando frequenti comportamenti d’agguato. Questo comportamento mi ha fatto ponderare sull’idea di introdurre nuovi abitanti nel mio acquario.

Dapprima ero incline all’idea di arricchire la comunità con specie quali i multifasciatus o i transcriptus, ma ho rivisto i miei piani. Attualmente sto esplorando la possibilità di accogliere 1-2 individui di Calvus o altre specie del genere Altolamprologus. La mia principale preoccupazione è che l’arrivo di questi nuovi ospiti possa innescare dispute territoriali, in particolare per ciò che riguarda l’uso degli spazi nascosti tra le rocce.

Sono convinto che queste nuove introduzioni possano contribuire significativamente alla diversità biologica della mia vasca, pur rimanendo cauto riguardo ai potenziali conflitti che potrebbero sorgere. Vi chiedo: pensate che aggiungere queste specie sia una mossa prudente, o esiste il rischio di perturbare l’equilibrio che ho faticosamente costruito?

Attendo con impazienza i vostri preziosi consigli e opinioni. Un ringraziamento speciale a tutti voi per il sostegno continuo!
 

Allegati

  • af6a485d-4a3f-4776-b1b6-aca59d9ff689.jpeg
    af6a485d-4a3f-4776-b1b6-aca59d9ff689.jpeg
    373,7 KB · Visite: 4
Buonasera a tutti, è passato un po' di tempo dall'ultima volta, ma volevo aggiornarvi. Per ora, mi sembra che tutto proceda bene; i pesci stanno prendendo confidenza con gli spazi e uno sembra essere quello che disturba continuamente gli altri, tanto che ha preso possesso esclusivo di alcune grotte nelle rocce. Al momento, sto costruendo l'acqua con un mix di osmosi, acqua pubblica, sale Seachem buffer tanganika e sale Red Sea Salt. Ho fatto un cambio di acqua di recente e volevo chiedere un vostro parere sulle analisi che vi allego, per vedere se può essere considerato tutto corretto o se è il caso di fare qualche modifica. Grazie a tutti.

Screenshot 2024-02-21 233733.png
 
Mi sembrano perfetti, occhio solo che i pesci si adattano benissimo a valori meno perfetti, ma sopportano male gli sbalzi nei valori. Se l'acqua del sindaco non è proprio pessima userei quella senza farmi problemi. Se decidessi così, basterebbe aumentare gradualmente la frazione di acqua del rubinetto nei cambi, fino a usare solo quella nell'arco di 4-5 volte.
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 3/2023
• Tropheops sp. ‘macrophthalmus chitimba’ Chitimba Bay Deep, un giallo alternativo di Mattia Picciolo
• Il Belgio e il cuore dell’Africa – una visita al MRAC, Musée Royal de l’Afrique centrale di Enea Parimbelli
• La micobatteriosi nei pesci d’acquario, un problema complesso. di Gianpiero Nieddu
Arretrati

Indietro
Alto