• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Corteggiamento Apistogramma Cacatuoides

Nuove nascite in arrivo...dopo il corteggiamento adesso la femmina non esce dalla tana da quasi 2 giorni, nemmeno per mangiare.
Speriamo vada meglio della prima in cui il maschio ha mangiato tutti i piccoli...
 
Salve ragazzi!!
Ieri sera ho fatto di testa mia alla fine, spero di non aver fatto una cazzata, anche se i vostri consigli sono sempre oro per me!
Comunque ieri sera ho inserito la coppiabdi caca nella vasca grande con i 5 Aequidens e dopo una serata di corteggiamenti sfrenati la notte hanno deposto in un angolo della vasca, fregandosene del crocchetto che avevo appositamente messo per loro..il luogo scelto é in un angolo della vasca sotto una grande pietra appositamente pulita.
Adesso ci sono una quarantina di uova che la mamma vigila più o meno attentamente mentre il maschio gira disinteressato per la vasca..lo immaginavo leggermente più territoriale.
Per adesso la convivenza sembra essere molto tranquilla..
Speriamo bene ragazzi!!
Spero mi vogliate co.unque seguire in questo cammino!
Un bacio grande e buona serata
 
Ci siamo, i piccoletti si sono staccati dalla pietra e scodinsolano ben protetti dalla mamma.
Adesso come procedo?
Aspetto che si stacchi il sacco vitellino e poi alimento..e iniziano le domande..
Tra quanto posso alimentare?
Ho comprato il sera micron, va bene per i primi 4-5 giorni e poi naupli?
Posso evitare di somministrare il vivo o é essenziale?
Se fosse essenziale dovrei prendere cisti di artemia decapsulate e farle schiudere?

Grazie mille
 

Sertor

Moderatore
Non conosco il sera micron, non l'ho mai usato. Per i primi giorni dovrebbero andare già bene i naupli.
 
Buona domenica ragazzi, altra cosa molto strana.
Dopo tre,quattro giorni di difesa del territorio la mamma ieri sera é stata spodestata dalla tana, da parte del maschio. É entrato ed hanno cominciato a scordarsi a vicenda, credo che qualche piccolo ovviamente non ce l'abbia fatta.
Oggi non vedo più la femmina nei pressi della tana e vedo il maschio che fa entra ed esci, come se dipendesse in maniera blanda la tana e che prende in bocca i piccoli (ormai massimo una decina) e li raggruppa insieme...
Io sapevo che il maschio non si occupava della difesa dei piccoli sapete dirmi qualcosa?

Grazie
 

Sertor

Moderatore
Strano, ma non troppo. Sono ancora giovani, anche al di là del contesto magari non ideale (ma neanche terribile ;)), probabilmente.
 
Salve ragazzi, piccolo aggiornamento dopo qualche settimana di assenza..
I caca si sono riprodotti altre 2 volte dall' ultima la prima volta sotto una pietra e due giorni dopo la schiusa le forti pressioni del maschio sono sfociate in lotta e conseguente lauto pasto per il papà e gli altri inquilini della vasca...
Mio più interessante é stata l'ultima volta in cui ha deposto dentro una noce di cocco e la mamma a tenuto i piccoli nella tana per tutto il tempo mentre il maschio scacciava qualsiasi essere si avvicinarsi al coxchetto..i piccoli erano una ventina..tutti circa 3 mm e senza più il sacco vitellino.
Ieri sera la femmina ha deciso di punto in bianco di lasciare la tana...il maschio l'ha inseguita per tutta la vasca mentre i piccoli uscivano indisturbati..ed anche in questo caso sono diventati pappa per gli Aequidens..
La cosa interessante é che la mamma ormai ha smesso le cure parentali e sta nascosta da altre parti della vasca mentre il maschio continua a scacciare violentemente tutti per difendere gli unici 2 piccoli rimasti che porta nei dintorni della tana, come a fargli scoprire il territorio.
É veramente una cosa pazzesca!!! Che meraviglia
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 1/2021
•Ne ho visti di tutti i colori…(ovvero i Discus all’orientale”) di Francesco Zezza
•Un Malawi “fatto in casa“ di Luca Zuccaro
•Lamprologus ocellatus di Denis Lampredi
•I tropici dietro casa di Lorenzo Tarocchi e Nicola Fortini
•Veloci, sempre più veloci. L’evoluzione dei ciclidi del lago Tanganica di Livio Leoni
Arretrati

Alto