• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

La mia esperienza con Sternotherus carinatus...

misidori

Amministratore
Le operazioni di scavo sono terminate,il tesoro riportato alla luce.... :3:

2015-08-04 uova 2015.jpg2015-08-04 uova 2015 7.jpg2015-08-04 uova 2015 2.jpg2015-08-04 uova 2015 3.jpg2015-08-04 uova 2015 1.jpg2015-08-04 uova 2015 6.jpg

L'operazione con calma e sangue freddo si compie con un piccolo rastrello da microgiardinaggio :D con pazienza si porta via il substrato fino a sentire le uova,con una buona sensibilità individuata la deposizione mi aiuto sempre con delle pale in miniatura per togliere e ripulire la zona dell'uovo.

Le uova vanno tolte e riposizionate nella stessa posizione...altrimenti l'embrione può morire,mi aiuto con una matita segnando l'alto dell'uovo.

Ora sono in incubatrice!!!:104:
 

misidori

Amministratore
Una volta estratte dal substrato le trasferisco in un contenitore in plastica con della vermiculite media ed acqua rapporto 1/1.

2015-08-04 uova 2015 5.jpg

Segnate con la matita le rimetto nella stessa posizione nella vermiculite.

2015-08-04 uova 2015 4.jpg2015-08-04 uova 2015 8.jpg

Alla fine il risultato dello scavo si è concluso con 9 uova trovate...

2015-08-04 uova 2015 incubatrice.jpg

Ora bisogna aspettare...più avanti farò la speratura.:104:
 

misidori

Amministratore
Oggi ho trovato il termoriscaldatore andato la temperatura ha raggiunto i 37°C quando me ne sono accorto,spero che le uova non ne abbiano risentito altrimenti...:(:smailaddio:
 

misidori

Amministratore
Inizio l'aggiornamento della storia...

Dopo aver perso tutte le uova,per la rottura del termostato (sono diventate sode!),il periodo no continuava...rimanendo con le sole tre femmine.

A fine settembre 2015 ho l'opportunità di trovare il maschio al Tartabeach a Cesena http://www.ciclidi.net/22-off-topic/8818-tartarughe-beach-amp-koi-beach-2015 sono fiducioso....riesco a trovare da un noto commerciante specializzato in Tartarughe diversi esemplari adulti e sub adulti che aveva portato alla fiera,qualche giorno prima nuotavano nel laghetto all'esterno.

Scelgo con tutta calma l'esemplare che reputo migliore ed una volta preso,mi gusto la fiera felice e contento come un bambino.

Sternotherus carinatus maschio 1.jpgSternotherus carinatus maschio 2.jpg

L'esemplare presentava molte alghe verdi sul carapace,sintomo che proveniva sicuramente da un laghetto o invaso esterno.

Sternotherus carinatus maschio.jpg

Ecco il maschio appena arrivato a casa.

Sternotherus carinatus maschio 5.jpg

Nella foto il maschio appena arrivato in vasca in alto a destra,e le tre femmine curiose in formazione.

Ormai il periodo della sospensione delle attività sta arrivando (il periodo ormai autunnale del 2015),il maschio si è integrato benissimo nel gruppo o meglio dire suo harem,questo è un buon auspicio per la prossima primavera (del 2016).

All'inizio il maschio era impaurito e diffidente sicuramente abituato anche ad un ambiente ed un alimentazione differente.

Le femmine hanno rassicurato ed abituato il maschio alla mia presenza,ora è il primo che nuota da me quando passo davanti la vasca.

Sternotherus carinatus maschio 4.jpg

Il maschio prima dell'immissione in vasca.

Sternotherus carinatus maschio  3.jpg

Il maschio appena arrivato saluta le piccole....:3:


.....Continua
 

misidori

Amministratore
Tutto procede regolarmente (è fine febbraio 2016) si sta avvicinando la primavera e le attività diurne aumentano.

IL DRAMMA

Ricordo una mattina avvicinandomi alla vasca per il controllo e l'alimentazione una femmina immobile,con arti distesi,collo allungato occhi e bocca aperti,la testa era appoggiata sulla sabbia...subito non connetto,incredulo,d'istinto metto le mani in acqua,afferro per il carapace la tartaruga tirandola fuori dall'acqua.

E'morta.

Il mio dispiacere e rammarico è alle stelle perchè il giorno prima era in forma e la mattina è deceduta.

Mi ricordo che questa fu l'analisi in cui l'ho trovata,estraendola dall'acqua sembrava pesare di più,e in effetti è uscita acqua dalla bocca aperta.

Quali siano state le cause del decesso è la domanda del secolo ,certo facendo fare un autopsia da un professionista molti dubbi forse non esisterebbero...che sia morta affogata!!

Arrivata la primavera ed il primo caldo le giornate iniziano ad allungarsi,le tartarughe aumentano anche le loro attività ed il metabolismo.
Il maschio cerca i primi approcci riproduttivi con le femmine,e si accoppia con entrambe.
Con il passare del tempo le femmine iniziano ad uscire dall'ambiente acquatico per sondare il terreno o il futuro sito di deposizione le vedo sempre più spesso nella zona emersa,a volte anche insieme.

Era circa Giugno, primi di Luglio e vedo le femmine iniziare gli scavi,poi un bel giorno trovo il primo"banco"di sabbia mosso in maniera anomala...che sia la prima deposizione!?

Faccio passare altri giorni forse settimane,ma ormai non riesco più a vedere tracce sulla sabbia,le tartarughe escono spesso la notte durante il caldo.
Un bel giorno decido di andare a scavare,se trovo le uova questa volta vorrei farle schiudere ad una temperatura ottimale per avere nascituri maschi,visto che le ultime(prime nate)credo siano tutte femmine....scavando,scoprendo il substrato sabbioso,sotto sabbioso-torboso,intravedo qualche macchia bianca,a circa 10 cm di profondità scopro il primo mucchio di uova,le recupero segnandole delicatamente,sono tre.
Continuo gli scavi su tutta la parte emersa e non lontano dalle tre uova trovo altre due uova,sono sicuramente due deposizioni credo ma non sono sicuro se della stessa femmina o di entrambe,non conosco il giorno della deposizione.

Trasferisco il bottino ormai nella collaudata incubatrice fai da te,ora ho un termoriscaldatore nuovo ed affidabile,regolo la temperatura per avere il giusto calore,controllo con tre termometri,umidità lo strumento misura oltre il 90%...ora per un pò non sarò a casa e per qualche settimana non potrò più sapere nulla,al mio ritorno controllerò con la speratura come sono le uova.

E' Agosto e le uova nell'incubatrice sono state controllate,tre sono fertili mostrano una banda bianca e tramite speratura si intravede forse lo sviluppo embrionale,mentre in due uova non si vede nulla anche la speratura sembra che siano quasi vuote.

Passa il tempo e a fine Settembre inizio a controllare giornalmente l'incubatrice per vedere se ci sono novità,la sera controllo con una piccola torcia.

Tartarughe 014.jpg


....continua
 

Matteo Noè

Utente
Esperienza molto interessante e raccontata in modo avvincente! Grazie Marco, COMPLIMENTI per i risultati e per le splendide "tarte"!:104:
 

Victoria Lake

Amministratore
Marco!!! Complimenti, mi ero perso questa tua cronostoria sulle Carinatus.
Settimana scorsa in un negozio dalle mie parti ne ho trovate 2 sui 10 cm di carapace.
Non ho guardato bene, se erano o meno uno coppia, e il negoziante ovviamente ne sapeva meno di me.
L'idea sarebbe quelle di prenderle e questo tuo articolo e senz'altro utilissimo.
Nel caso le prendessi, al momento dispongo di un acquario di 170 cm con sabbia e dovrei adattargli un filtro ridotto per poter mantenere un livello dell'acqua di 20 cm???
La vasca è piena di tronchi, ed ha uno strato di sabbia di qualche centimetro.
Dici che posso utilizzarla, provvisoriamente fino a che non gli trovo una sistemazione più adatta?
Ovviamente la vasca al momento è vuota .

Ps.... se quando sono in negozio le fotografo e poi ti giro le foto saresti così gentile da darmi un tuo parere sugli esemplari ?
ultima info ....
il prezzo.
questi chiedono 70 euro cad. secondo te?
 

misidori

Amministratore
Marco!!! Complimenti, mi ero perso questa tua cronostoria sulle Carinatus.
Settimana scorsa in un negozio dalle mie parti ne ho trovate 2 sui 10 cm di carapace.
Non ho guardato bene, se erano o meno uno coppia, e il negoziante ovviamente ne sapeva meno di me.
L'idea sarebbe quelle di prenderle e questo tuo articolo e senz'altro utilissimo.
Nel caso le prendessi, al momento dispongo di un acquario di 170 cm con sabbia e dovrei adattargli un filtro ridotto per poter mantenere un livello dell'acqua di 20 cm???
La vasca è piena di tronchi, ed ha uno strato di sabbia di qualche centimetro.
Dici che posso utilizzarla, provvisoriamente fino a che non gli trovo una sistemazione più adatta?
Ovviamente la vasca al momento è vuota .

Ps.... se quando sono in negozio le fotografo e poi ti giro le foto saresti così gentile da darmi un tuo parere sugli esemplari ?
ultima info ....
il prezzo.
questi chiedono 70 euro cad. secondo te?

Se sono sui 10 cm di carapace è possibile sessarle,la tua vasca va bene per una sistemazione anche definitiva,un filtro lo puoi fare,comprare o adattare .

Sabbia e legni possono essere il loro arredo,per il prezzo siamo nella media 90-70 euro ad esemplare,nelle manifestazioni di rettili o tartarughe puoi trovarle giovani non sessate di pochi mesi a circa la metà del prezzo di un adulto..

Per le foto ti ho mandato un MP con il mio indirizzo di posta dove se vuoi puoi mandarmi le foto da visionare,devi cercare di fotografarle bene nella "zona coda".
 

misidori

Amministratore
L'incubatrice funziona perfettamente,i parametri di temperatura ed umidità sono ottimi.

Ormai il periodo autunno inverno per gli adulti sta arrivando e così anche il loro metabolismo rallenta ulteriormente,ora si alimentano a giorni alterni per poi arrivare anche ad una volta a settimana.

DRAMMA Parte II

Siamo arrivati ad Ottobre 2016,era una domenica,avevo tempo ed avevo deciso di alimentare le tartarughe con del cibo fresco "gamberi",appena preparati per tutti i "commensali"(pesci ed anfibi compresi)mi avvicino alla vasca ...e per la mia felicità non si presenta nessuno al "rancio",nel guardare nella vasca inizio a dir loro"Sveglia!!!si mangia!!!"

Cosa strana ,ma con l'abbassamento delle temperature ed anche delle ore di luce ambientale le tartarughe passano molto tempo a dormire insabbiate,sotto le radici e legni.

Guardo bene,aspetto e dopo qualche minuto arriva il maschio,bello vispo a capito che si banchetta,poi arriva una femmina,inizio a dare loro la porzione di gambero con le mani(se non avete i riflessi pronti,meglio con una pinza!il loro morso non perdona!)le tartarughe afferrano il loro pasto e se ne vanno in disparte tranquille a mangiare.

Manca la seconda femmina,strano non abbia fiutato ancora l'odore del pasto!Inizio ad essere pensieroso, strani presagi,qualcosa non va...non aspetto più,disturberò il pasto delle due tartarughe,inizio a spostare l'arredo,legni,radici,....intravedo il carapace,è lei,immergo la mano per afferrarla,la prendo...il secondo DRAMMA!!

E' morta!!

La tristezza scende sul mio viso...

Anche questa come la precedente presenta dopo le analisi che ho fatto superficialmente post-mortem le stesse analogie che ho riscontrato e descritto precedentemente.

IMG_5866.jpgIMG_5867.jpg

Ora dopo il decesso della seconda femmina sono rimaste due tartarughe adulte,un maschio (arrivato nel 2015) e la femmina (che è con me dal 2005)più le ultime nate,il prossimo anno non ci saranno molte uova da cercare al massimo da 1 a 3 nel migliore dei casi.

Passano i giorni siamo a Ottobre.

Ogni giorno potrebbe essere quello buono per la schiusa e la speranza termina all'apertura del coperchio dell'incubatrice,ancora nulla!!!


.....continua
 

Miles

Moderatore
Ciao Marco, interessante il report e triste.
Io dopo aver fatto un po' di danni ho deciso di non allevare più tartarughe in casa, all'aperto, secondo me, stanno moooolto meglio.
Miles
 

misidori

Amministratore
IL LIETO EVENTO ATTESO....
Una mattina (era il 18/10/2016)apro l'incubatrice per il solito controllo,ormai la posizione delle uova la conosco a memoria,e basta lo sguardo di un secondo per capire la situazione,ma vedo qualcosa che non mi torna...le uova sono mosse,vedo mezzo guscio ed in un angolo...ECCOLA!La prima nata!!!
IMG_5670.jpgIMG_5675.jpgIMG_5676.jpgIMG_5677.jpg

E' molto attiva ,il carapace è asciutto e disteso sintomo che è uscita dall'uovo da qualche ora,forse nella notte..

IMG_5678.jpgIMG_5679.jpgIMG_5680.jpg

Dalle dimensioni si stenta a credere che era nell'uovo da mesi...ho pronta una piccola nursery per lo svezzamento delle piccole tartarughe,una vasca dalle dimensioni di 30x20 cm con un mini termoriscaldatore tarato a 25°C e circa 3 cm d'acqua.

IMG-20170105-WA0000.jpg

La piccola gradisce subito l'acqua,è curiosa ed inizia a perlustrare ed annusare tutto,subito si alimenta con il chironomus due volte al giorno,ho inserito anche numerose lumache acquatiche di due specie per stimolarla anche con il vivo,successivamente come ho fatto con le altre nate passerò anche al cibo secco.

Ormai a distanza di settimane la piccola cresce,mangia anche il secco,e le lumachine in vasca non durano un ora,è cresciuta,anzi quasi triplicata...

<font size="4"><font size="2">

Siamo a fine Novembre,la piccola per ora unica nata cresce a vista d'occhio,pensando alle uova,facendo una piccola riflessione ...credo che si tratti di due forse tre deposizioni avvenute a distanza di settimane..?!!Forse mesi???!!

Due uova come descritto precedentemente non sono feconde quindi non nascerà niente(anche se le ho lasciate come se fossero buone insieme alle altre ),mentre le altre due vedendole con la torcia a led al loro interno risultano scure,quasi in un uovo si intuisce la forma superiore del carapace.

La pazienza è fondamentale...e non mi manca.



...CONTINUA...
 

misidori

Amministratore
LA FELICITA'!!!
Passano i giorni ed una mattina del 9/12/2016 aprendo l'incubatrice come consueto noto un bel casino, un uovo mezzo aperto e molti altri pezzi di guscio...ma vedendo bene la tartaruga non si è liberata del tutto dall'uovo,credo che sia uscita da poco,ha ancora gli occhi chiusi,la espongo alla luce gradualmente (dopo mesi di buio),la prendo molto delicatamente e la tolgo dall'incubatrice perchè ha mosso le altre uova.

Utilizzo un piattino da caffè con poca acqua a 27°C-28°C (presa dall'incubatrice)la piccola sembra gradire

IMG_5871.jpgIMG_5872.jpgIMG_5878.jpgIMG_5879.jpgIMG_5880.jpg

Alcuni video ...

Ancora gli occhi non sono completamente aperti...

<font size="4"><span style="color:#000000;"><font size="2">


 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 3/2021
• Nanochromis transvestitus (Roberts & Stewart, 1984) Un nano colorato e affascinante del Congo di Michel Keijman
• Tropheus: guida pratica all’allevamento e alla riproduzione di Mauro Parimbelli

Arretrati

Raduno AIC 2021

Alto