• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Si riparte

vinga

Utente
Eccomi dopo il primo allestimento dal qualche ho iniziato ad imparare un po di cose sui ciclidi.
Quindi riparto con la mia vasca ( un po piccola a dire il vero) un juwel vision 180 con filtro esterno tetra ex800, e aereatore tetra 2 vie.
Fondo sabbia edile e rocce laviche. So che possono essere troppo spigolose ma ho sentito che qualcuno le usa senza problemi e io ho cercato di smussare i bordi più taglienti.
Dopo la maturazione metterò un trio di Labidochromis caeruleus e un trio di Pseudotropheus Demasoni.
Ecco una foto, ditemi cosa ne pensate
20211001_203916.jpg
 

Benny

Socio AIC
Le rocce sono troppo serrate e quindi vedo poche tane. Attento alla alimentazione, i Demasoni sono vegetariani i Labidochromis no
 

vinga

Utente
No, è la prospettiva, tra fronte e retro ci saranno 16/17 "ingressi" che vanno dal cmq ai 3/4 cmq e l'interno ho cercato di lasciarlo più cavo.
Per l'alimentazione non sapevo di questa distinzione, ho sempre dato dei granuli di spirulina come ingrediente principale e apprezzavano tutti.
Ho scelto queste due tipologie perché ho letto ( e provato) che sono abbastanza tranquilli e convivono abbastanza bene ma se avete consigli su altre tipologie, li accetto volentieri
 

Benny

Socio AIC
I demasono sono i "giardinieri" del lago quindi la loro dieta è stettamente di tipo algale mentre i Labidochromis caeruleus si nutrono di larve, piccoli molluschi e crostacei... una dieta strettamente vegetariana non gli fa bene... diciamo che devi optare per un mangime molto vegetale con poca proteina animale (altrimenti fai male ai demasoni che hanno un intestino lungo)... la convivenza delle sue specie è stata già testata nel tempo e ha portato soddisfazione.. per le tane.... 4 cmq significa 2x2cm.... anche se fosse 3x3 sarebbe poca... forse come dici tu è la prospettiva ma a me le rocce mi sembrano molto serrrate...
 

Benny

Socio AIC
per la popolazione in 100cm di lato lungo hai poca scelta… labidochromis ok i demasoni potresti sostituirli con una coppia di iodotropheus….. , quando io iniziai con una vasca come la tua allevai per un lungo tempo una coppia di Aulonocara hueseri con i Labidochromis caeruleus….
 

vinga

Utente
Leggendo in questo forum sto scoprendo questi aulonocara e mi stanno intrigando.cosa ne pensi dei rubin red? Un trio di questi con 1m e 2f di labidochromis caeruleus come la vedi?
 

Benny

Socio AIC
Non è una specie del lago, è una selezione fatta dall’uomo. Non l’ho mai allevata quindi non ti saprei dire
 

Sertor

Moderatore
La Rubin Red è praticamente una stuartgranti. Secondo me, in un metro, non ha abbastanza spazio.
Anche secondo me la disposizione delle rocce è da rivedere, specialmente se deciderai di ospitare Aulonocara. Queste ultime, poi, non hanno la pellaccia degli mbuna, quindi risultano particolarmente controindicate le rocce laviche.
Per quanto riguarda la disposizione attuale delle rocce, condivido i dubbi di Benny. Una tana funzionale dovrebbe consentire ai pesci di rigirarsi, e parliamo di animali con una taglia media intorno ai 10 cm. Approssimativamente, una tana dovrebbe poter contenere un pugno chiuso.
In alternativa ai demasoni potresti valutare Cynotilapia aurifrons.
 

vinga

Utente
quindi aggiusto la rocciata e popolo con Labidochromis caeruleus e Cynotilapia aurifrons?
l'ultimo superstite del vecchio allestimento dovrebbe essere un Melanochromis cyaneorhabdos (altro post in "che pesce è") lo devo tenere quindi popolerei in funzione di questo: consigli?
 

Sertor

Moderatore
L'ideale, ovviamente, sarebbe cedere a qualcuno il cyaneorhabdos prima di inserire le nuove specie. Penso comunque che non dovrebbe dare grossi problemi. La rocciata, onestamente, più che rivederla, la rifarei usando rocce più grandi e cercando di formare sia tane, sia barriere visive che favoriscano la delimitazione di territori.
 

Sertor

Moderatore
Hai chiesto a chi te lo ha venduto? In fondo l'errore è stato suo. Non ho esperienza diretta con i cyaneorhabdos, ma se sono come i johanni non si se li metterei in un metro.
 

vinga

Utente
Ci proverò quando andrò a prendere gli altri pesci, mi sembra un venditore serio e spero disponibile, intanto ho modificato il layout allargando la rocciata e ora le tane sono molto più grandi.ora devo schermare le luci e fare un coperchio
20211012_212606.jpg
 

Sertor

Moderatore
Secondo me cambia poco, rispetto alla prima sistemazione. Le rocce dovrebbero offrire non solo cunicoli, ma anche barriere visive ed arrivare, almeno in uno degli angoli posteriori, vicino alla superficie dell'acqua, per dare possibilità di riparo a sottomessi e femmine in incubazione. Con quella disposizione rischi che un maschio più aggressivo prenda possesso di tutto l'acquario.
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 3/2021
• Nanochromis transvestitus (Roberts & Stewart, 1984) Un nano colorato e affascinante del Congo di Michel Keijman
• Tropheus: guida pratica all’allevamento e alla riproduzione di Mauro Parimbelli

Arretrati

Raduno AIC 2021

Alto