• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Trattamento con Flagyl

JeanAqua

Utente
Perfetto Marco, grazie per la risposta. Il Flagyl fortunatamente ne ho a pacchi, ho un padre medico :100

Per la questione colori sulla femmina di Jalo, io la ho da un anno e la striatura comunque la ha, mentre ha il resto del corpo di colorazione argento. Le striature nere sono più evidenti ultimamente. Il maschio, che ho avuto prima della perdita per bloat, era fondamentalmente uguale ma oltre alle striature nere aveva il blu al posto dell'argento e la pinna superiore di un bel giallo. Fin quando c'era il maschio, sia la femmina che ho attualmente che l'altra (la sfortunata che ho perso appena prima di iniziare il trattamento) erano di un colore grigio scuro. Allego foto, non credo sia un maschietto!





 

misidori

Amministratore
Come avevo scritto nel post precedente credevo avevi Placidochromis sp. Jalo reef ed invece parliamo di mbuna.
Spesso quando citiamo la specie si fa confusione chiamandola con la sua zona geografica di appartenenza perché in quell'areale vivono molte specie.
La tua dovrebbe essere una femmina di Cynotilapia zebroides Jalo Reef
 

JeanAqua

Utente
Errore mio Marco, avevo dato per scontato il parlare di Cyno perchè in altri post sono stato seguito da Sergio e trovandomi anche qui ad interloquire con lui ho omesso la specie!

Comunque procede ancora tutto bene, aspetto qualche altro giorno per valutare l'inserimento di altri C. Jalo Reef e valuto da lì la situazione. Potrei tenerli per un po' in quarantena, ma credo siano già sufficientemente controllati alla serra dove li prendo..
 

misidori

Amministratore
Non c'è problema Jean! I
Se li tieni in quarantena è bene, altrimenti puoi controllare la situazione nell'acquario principale, sai l'equilibrio cambia sempre con l'aggiunta di nuovi pesci in vasca. Essendo poi una malattia multifattoriale il fattore stress può determinare la comparsa successivamente.
 

JeanAqua

Utente
Non faccio mai in tempo a definire come stabile la situazione che subito mi accorgo di qualcosa che non va. Da ieri nel pomeriggio vedo il maschio di L. Caeruleus che si isola in alto nella vasca, si mette di traverso e non si schioda da lì. Congiuntamente con questa situazione, vedo la femmina di C. Jalo Reef che gironzola a destra e a sinistra per la vasca. Quando il maschio di Labido era in forma, la Jalo era sempre nella sua tana.

Inizio a pensare a questo punto che le escoriazioni che presentava il Caeruleus non erano dovute a ferimenti con rocce, ma che fossero dovuti alla Jalo irrequieta. Aspetto un altro paio di giorni, se non cambia la situazione provo ad isolare la Jalo per un altro paio di giorni per vedere poi la situazione in vasca. Se vedo che il maschio di Labido si riprende, cedo la Jalo. A quel punto potrei optare per monospecifico di L. Caeruleus o inserire un trio di Iodotropheus Sprengerae assieme ai presenti Caeruleus, per scongiurare qualsiasi faida....
 

s-work

Utente
Non faccio mai in tempo a definire come stabile la situazione che subito mi accorgo di qualcosa che non va. Da ieri nel pomeriggio vedo il maschio di L. Caeruleus che si isola in alto nella vasca, si mette di traverso e non si schioda da lì. Congiuntamente con questa situazione, vedo la femmina di C. Jalo Reef che gironzola a destra e a sinistra per la vasca. Quando il maschio di Labido era in forma, la Jalo era sempre nella sua tana.

Inizio a pensare a questo punto che le escoriazioni che presentava il Caeruleus non erano dovute a ferimenti con rocce, ma che fossero dovuti alla Jalo irrequieta. Aspetto un altro paio di giorni, se non cambia la situazione provo ad isolare la Jalo per un altro paio di giorni per vedere poi la situazione in vasca. Se vedo che il maschio di Labido si riprende, cedo la Jalo. A quel punto potrei optare per monospecifico di L. Caeruleus o inserire un trio di Iodotropheus Sprengerae assieme ai presenti Caeruleus, per scongiurare qualsiasi faida....
Scusa ma non vorrei contradire nessuno, tra l'altro devo rimarcare la grande esperienza e la notevole utilità delle opinioni di chi scrive spesso nel forum, ma parlo solo per mia esperienza personale e mi vien da dire che:
Una volta valutato che i valori dell'acqua siano nella norma dei nostri requisiti standard (durezza e PH) e non ci sono pesci particolarmente "bastonati" , meno metti le mani in vasca e meglio è.
 

Sertor

Moderatore
In linea di massima hai ragione. Solo mi sembra che la situazione non riesca a stabilizzarsi fin dall'inizio, nonostante i valori dell'acqua siano normali. Al momento comunque anch'io sarei per monitorare la situazione per qualche giorno, prima di intervenire.
 

JeanAqua

Utente
Esattamente. Il problema è che sono reduce da qualche mese di costanti problemi in vasca nonostante abbia sempre avuto valori nella norma e cambi settimanali. I problemi che ho risolto col trattamento di Flagyl comunque non hanno stabilizzato la situazione, e vuoi per squilibrio di sex ratio, vuoi per dimensioni della vasca, vuoi per esemplari un po' irrequieti, mi sono trovato a non avere mai sensazione di tranquillità. Cioè, in rari casi mi sono goduto la vasca senza stare con le paranoie che qualcosa non andasse.

Per questo, se dovessi giungere alla conclusione che il maschio di L. Caeruleus si isola per colpa della femmina di Jalo, devo metter mano e cedere qualche esemplare. Andando per preferenze sicuramente sono più incuriosito dall'allevare le Cynotilapia piuttosto che i Caeruleus, ma al momento mi verrebbe più facile rimuovere l'unico esemplare di Jalo e puntare come dicevo su un monospecifico o su un Caeruleus + Sprengerae.

Comunque, le escoriazioni sono tutte riassorbite seppur con qualche cicatrice poco visibile. Per il resto, isolamenti a parte, sta bene e mangia. Tra l'altro lo stesso comportamento lo hanno avuto in passato altri Caeruleus che ho avuto, e tutti se ne sono andati. Quindi credo che sì, sarà lo stress.
 

misidori

Amministratore
Penso che la tua femmina di Cynotilapia domini la vasca per mancanza del maschio e di altre femmine ,per cui domina su gli altri. Il loro carattere è dominante con pesci calmi, credo che per diminuire l'aggressività e dominanza la cosa migliore sarebbe aggiungere altre femmine e un maschio. L'ipotesi L.caeruleus e I.sprengerae ormai è ben collaudata come coabitazione.
 

JeanAqua

Utente
L'obiettivo iniziale era quello di avere due quartetti in ratio 1m/3f, quindi mancherebbero da inserire 2f e 1m di Jalo Reef. Non vorrei però che poi il maschio di Jalo metta a bada la femmina che ad oggi è dominante ma che continui poi a scassare al maschio di L. Caeruleus.

Per questo credo proprio di provare con due quartetti, quello che ho già di Caeruleus e uno di I. Sprengerae da inserire. Allego qui il video per mostrare il fianco del maschio di Caeruleus che ogni giorno ne ha una. Verso la fine del video si vede bene il fianco destro. Spero sia in buona qualità.


Non escludo comunque qualche problema di tipo batterico in vasca, considerando che durante il cambio domenica ho visto della schiuma sui vetri con l'abbassarsi del livello durante lo svuotamento e che vedo della patina in superficie con bolle (non mi sembrano bolle create dal movimento dell'acqua).
 

misidori

Amministratore
Ciao Jean! Mi sembra che il tuo maschio di L. caeruleus sia in forma e vivace. Dal video non noto problemi.

Gli altri esemplari secondo me sono piccoli per essere sessati con certezza matematica anche con il venting.

Per la questione gerarchie in vasca non credo avrai problemi ,hai molte rocce e zone distinte in acquario.

La schiuma come dici è difficile identificarla, se riconducibile al Flagyl o altro ma se hai usato poi carboni attivi dovresti essere al sicuro.

Se usi il biocondizionatore nel cambio d'acqua parziale è facile che la schiuma derivi anche da quello,ma non è un problema.
 

JeanAqua

Utente
Grazie Marco, in quel momento era bello vispo perchè stavo richiamando tutti per farli mangiare. Il problema è che spesso si va a mettere in qualche angoletto. Ho cercato di ricreare sufficienti anfratti dopo il cambio layout, ma essendo tutte le rocce belle grandi e la vasca relativamente piccola (Rio 180) non so quanto effettivamente possa esser funzionale la disposizione attuale. Sono veramente molto indeciso sul da farsi, le Cynotilapia mi piacciono davvero molto ma non voglio in nessun modo avere altre perdite.

Per la schiuma, uso il bio condizionatore ai cambi perchè non faccio decantare l'acqua di rubinetto. Ho la vasca in camera da letto e non saprei dove far decantare per 24h il vascone da 50lt che uso (spazi ridotti in camera). I carboni li ho scordati, provvedo subito a metterli che ne ho un casino.
 

misidori

Amministratore
Difficile capire la situazione con i nuovi esemplari in vasca,le variabili sono diverse,come la taglia e l'ambientamento,ecc...

Il biocondizionatore va bene ,il carbone lo usi per togliere il medicinale rimanente se non lo hai ancora fatto.
 

JeanAqua

Utente
Ho deciso di dar via la femmina di Jalo e mettere 4 Iodotropheus abbastanza piccoli. Così facendo non dovrei avere problemi di gerarchie, l'unico grandicello resta il maschio di Caeruleus.
 

JeanAqua

Utente
Ho dato via la femmina di C. Jalo e sto andando a prendere gli altri. Gli Sprengerae posso prenderli solo di piccole dimensioni e non sessati, avevo pensato altresì di optare per i Melanochromis Dialeptos che posso prenderli già semi adulti. Pareri?
 

Sertor

Moderatore
Personalmente preferisco sempre prendere un gruppo di giovani, invece di un trio o una coppia adulta o quasi.
 

JeanAqua

Utente
Perfetto, alla fine ho preso 4 Iodotropheus che sono grandi praticamente come i Caeruleus in vasca (ad eccezione del maschio grandicello).

Adesso davvero incrocio le dita e spero di non dover più intervenire se non per sessare i pesci quando saranno più grandi!
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 3/2021
• Nanochromis transvestitus (Roberts & Stewart, 1984) Un nano colorato e affascinante del Congo di Michel Keijman
• Tropheus: guida pratica all’allevamento e alla riproduzione di Mauro Parimbelli

Arretrati

Raduno AIC 2021

Alto