• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Allestimento per sesarma

Alessiop

Utente
Ebbene si, ieri dopo il mio consueto giro lampo per curiosare nei negozi acquariofili mi sono regalato 3 simpatici granchi.....
Avevo già letto qualcosa su di loro, acqua salmastra, alta aggressività tra maschi, vita quasi esclusivamente emersa, riproduzione quasi impossibile nelle comuni vasche visto i valori richiesti per le larve in termini di salinità.
Inizialmente volevo dedicare una delle due vaschette di avannotti che si sono liberate questi giorni, ovviamente abbassando il livello dell'acqua. Però poi ho pensato di acquistare temporaneamente una di quelle vasche in vetro per le tartarughe con isola emersa-filtro e tenerli là. E' la soluzione migliore ?
Quanto e cosa è preferibile darli da mangiare ? che temperatura richiedono ? è indispensabile la luce artificiale ? come arredo la parte sommersa ? solo acqua o aggiungo anche sabbia ?
Ah, dimenticavo la cosa più importante : li ho comprati come "pseudosesarma"..... hanno il corpo rossastro/marron e le chele rosse
 

teto76

Utente
Non credo che le vasche per le tartarughe possano andare bene perché c'è troppo poco spazio fra la zona emersa e il bordo, potrebbero scappare (sono ottimi "scalatori"). Meglio una vasca chiusa, cosa che ti faciliterebbe anche il controllo dell'umidità.

Io lo ho tenuti (due) per poco tempo perché un amico non li voleva più e, a differenza di quello che si legge, non li vedevo sempre nella zona emersa ma anche spesso in acqua, dove rimescolavano tutto con grande frequeza (impossibile avere piante).

Purtroppo, sicuramente per mie colpe, sono morti nel giro di pochi mesi anche se non hanno comunque vita lunghissima.

Li nutrivo con le larve che davo alle tartarughe acquatiche e con molluschi. Non mangiavano altro, anzi, sporcavano moltissimo.

Questa è la mia modestissima esperienza.
 

misidori

Amministratore
Ciao Alessio,
che belli che sono questi granchi del genere Sesarma!!!

Li ho tenuti per diverso tempo in una vasca con molto spazio di fondo
,sabbia diciamo in rapporto 2terzi terra 1 terzo acqua,vivono anche nel
fango,si possono ritrovare nei pressi dei fiumi che sfocino in mare
o negli acquitrini,pozze sempre comunicanti con il mare.
La salinità gioca un fattore importante per il loro mantenimento nonchè
per la riproduzione.
La temperatura non scenderei mai sotto i 20°,non sono assai amanti
dell'acqua ma si rifugiano in caso di pericolo.
Ti consiglio anche una luce,spot meglio ancora se con percentuali basse di UV.
Per l'alimentazione:non disdegna nulla dal vegetale(frutta,piante,semi,...ecc)animale (pesci,lumache,insetti,ecc..)credo che
variando la dieta con queste cose non hai problemi.
Io davo anche in alternativa mangime congelato tipo gamberetti,alici,
particolarmente attratti anche ad i vegetali teneri e frutta matura e
quindi dolce che cade a terra,...davo insalata,banane,ananas,ecc..



Immagine:
2011102420120_Madagascar 2009 1210.jpg

120KB

Immagine:
2011102420159_Madagascar 2009 1211.jpg

122,35KB

Immagine:
2011102420224_Madagascar 2009 1212.jpg

114,11KB

Immagine:
2011102420241_Madagascar 2009 1213.jpg

95,42KB

Questi Alessio sono alcuni scatti fatti in natura del sesarma in Madagascar nel 2009,scusate se sono sfocate ma col fango alle
ginocchia a volte è difficile stare "immobile"per una foto decente.

Eravamo seduti affianco alla cena del sabato al congresso di Torino
ed ancora non avevi i granchi o sbaglio.
Marco
 

misidori

Amministratore
Si in effetti Massimo ne ho viste e spero di vederne molte altre di cose...
..ma sicuramente la lista delle cose che non ho avuto è sicuramente molto più vasta ed irraggiungibile...però chissà...;)

Marco
 

Alessiop

Utente
Stefano : grazie di aver riportato la tua esperienza, leggendo ancora su di loro ho saputo della loro abilità nel fuggire quindi opterò per una vasca chiusa ! Spero di poterli gestire al meglio anche se non mi sembra facilissima la cosa, ma altrimenti dove sta il bello ? :D
Quello che più mi preoccupa è la salinità dell'acqua....

Marco : wowwwwwwwwwwwwwwwww addirittura tu stavi cenando nel loro habitat ! non te li sarai mica mangiati eh :D
Comunque no, al momento del convegno AIC non li avevo ancora nè potevo pensare di averli. E' stata una cosa improvvisa, li ho da tre giorni.
Non ho ancora una vasca per loro(o meglio la ho ma sto vagliando un pò di opzioni), proprio perchè sto pensando alla cosa ottimale da fare, vasca o vera e proprio terrario ? sabbia o fango ? come filtro il tutto ? per ora sono nella carcassa di un filtro esterno [xx(] con un dito d'acqua ed una pietra per emergere. sto dando loro dei gammarus che divorano con avidità, troppo belli !
Vedo che tu hai usato la sabbia, pensavo di riempire un angolo facendo una sorta di montagna per poi scendere verso il centro e lasciare solo acqua non so se mi spiego [?]
Ma soprattutto la salinità come la gestisco ? uso sale da cucina ?
 

misidori

Amministratore
:D....Come fai ha sapere che ho mangiato i granchi,si in effetti l'ho
fatto ma non i sesarma[:p]!!!!

Va bene come dici tu il divisorio ma se lo fai in vetro,e riesci
a dividere la zona acquatica da quella terrestre puoi tenere l'acqua
più pulita e magari usate terra/fango magari al vetro attacchi
della corteccia(sughero o quercia)o rocce per nascondere il troppo pieno.

Tutto dipende dallo spazio totale e dalla quantità d'acqua,nel mio
caso ho usato sabbia in acqua per non appesantire troppo il lavoro
del filtro a cartuccia meccanico(spugna e a volte carbone attivo)la mia
parte acquatica era di venti litri.

Se hai una zona d'acqua definita è facile controllare la densità.

Io uso il rifrattometro,che è molto più comodo e preciso del densimetro
di gravità o del classico fatto a termometro.

Usa sale marino,non iodato io usavo un mix di sali per acquario di barriera
diciamo non quello da supermercato.

Ti ricordo che questi animali sono molto sensibili ai metalli pesanti,cloro,ecc.,quindi per i cambi ho prepari l'acqua molto prima,
...meglio per sicurezza se usi un biocondizionatore.

Per gli altri valori chimici sono molto adattabili.

Nella parte terrestre se poi metti zone di fango e terra inizieranno
a scavare le loro tane.:D

Marco
 
Messaggio di Alessiop

Ah, dimenticavo la cosa più importante : li ho comprati come "pseudosesarma"..... hanno il corpo rossastro/marron e le chele rosse

In genere nei negozi hanno sempre una sola specie molto comune, li ha anche quello che vende i canarini sotto casa mia. Li vendono come granchietti rossi d'acqua dolce, dalle lliste pseudosesarma moeshi (una volta come sesarma bidens o johorensis) ma in realta' dovrebbe trattarsi di Episesarma singaporensis. In ogni modo arrivano da quella zona (sud malesia-singapore) mentre gli americani e gli adricani non si trovano in commercio. Sarebbe utile capire di che specie si tratta soprattutto per quanto riguarda l'alimentazione e i valori dell'acqua. Anche se poi al 90% risulteranno granchi salmastri e onnivori. Sono comunque granchi che si arrampicano volentieri e passano anche parte della giornata su tronchi e rami di api api (avicennia), bruguiera, sonneratia o rhizophora.

Ciao Enrico
 

Alessiop

Utente
Grazie Marco forse è meglio la sabbia per una questione di gestione della vasca, anche se come dici tu il fango sarebbe il top per consentire loro di scavare delle tane.....
Stasera compro la vaschetta (che portata oraria uso per una vasca 40 cm x 35 x 35 ?) e il sale per marino ;)

Ciao Enrico !
Hai ragione appena li piazzo nella vasca nuova li fotografo per capire meglio di che si tratta ma googlando un pò dovrebbero essere i singaporensis.
Come alimentazione per ora sto somministrando gammarus per non inquinare troppo l'acqua, poi varierò

PS a proposito di granchi e a quello che mi avevi chiesto, ebbene sono riuscito a far fotografare ad un amico qualcosina a Rodi (purtroppo solo una foto !) te la posto subito, vediamo se sei bravo [:eek:)]


Immagine:
20111025115111_284028_2226440390960_1546315467_2355521_7162860_n.jpg

129,35KB
 

misidori

Amministratore
Si sicuramente la sabbia è un'ottimo compromesso per una gestione
meno impegnativa!!

Per quanto riguarda la vasca le tue misure intorno a 50 litri,diciamo
la metà,o un terzo d'acqua,potresti andare con un filtro a cartuccia
sommerso(non sono dei grandi amanti delle correnti questi granchi)
meglio se con pompa regolabile,150/200lt/h va bene.

Se però vuoi usare l'uscita della pompa per creare una cascata,
o portare piu in alto il getto,devi affidarti a modelli di pompa filtro
un pò più grandi,più che altro puoi far riferimento alla prevalenza/portata
in cm/lt della pompa che è riportata nella scheda tecnica della stessa.

Se hai ben chiaro come arredarlo è facile poi scegliere il filtro.
In alternativa ci sono anche dei piccoli filtri esterni....

Un consiglio spassionato è di guardare anche i consumi(Watt) dei filtri!!!!!


Marco
 
Alessiop ha scritto:

PS a proposito di granchi e a quello che mi avevi chiesto, ebbene sono riuscito a far fotografare ad un amico qualcosina a Rodi (purtroppo solo una foto !) te la posto subito, vediamo se sei bravo [:eek:)]

Grazie Alessio,
a rodi e sulla costa turca ci dovrebbe essere solo il rhodium.

Ciao Enrico
 

misidori

Amministratore
Ciao Alessio,
non è finita qui ho altri scatti di Sesarma fatti in natural habitat,
qui è sempre Madagascar 2009!!!;)

Immagine:
20111028191643_Madagascar 2009 057.jpg

80,19KB

Immagine:
2011102819175_Madagascar 2009 058.jpg

76KB

Immagine:
20111028191750_Madagascar 2009 059.jpg

86,74KB

Immagine:
20111028191814_Madagascar 2009 060.jpg

55,91KB

Immagine:
20111028191835_Madagascar 2009 061.jpg

57,7KB

Immagine:
20111028191851_Madagascar 2009 062.jpg

92,66KB

Marco
 

Morgan

Utente
Molto belle le foto Marco;)..grazie x averle postate..ma quanti c'è nerano...quando li hai allevati sei mai riuscito a riprodurli?
 

misidori

Amministratore
Grazie Morgan,
in natura e nelle foto se ne vedono solo una minima parte,in quella zona erano molto numerosi,a poche decine di metri dal mare....Madagascar.
Li ho avuti riprodotti con poco successo,le femmine portavano le uova,ma per via della differente salinità per schiuderle non sono mai riuscito,un pò per il tempo e costanza...a portare a termine molti granchietti,ti devi munire di varie vaschette perche sono fotemente voraci da piccoli,e il più grande può sopraffare il più piccolo in spazi stretti.
E'stata un esperienza bellissima...:3:
 

Morgan

Utente
Grazie Morgan,
in natura e nelle foto se ne vedono solo una minima parte,in quella zona erano molto numerosi,a poche decine di metri dal mare....Madagascar.
Li ho avuti riprodotti con poco successo,le femmine portavano le uova,ma per via della differente salinità per schiuderle non sono mai riuscito,un pò per il tempo e costanza...a portare a termine molti granchietti,ti devi munire di varie vaschette perche sono fotemente voraci da piccoli,e il più grande può sopraffare il più piccolo in spazi stretti.
E'stata un esperienza bellissima...:3:

Capito..grazie x la documentazione:104:...be immagino deve essere stata una bella esperienza...hai per caso foto di quando le femmine tenevano le uova...
 
Non cambia nulla riguardo quello che diceva Marco sulla riproduzione ma guardando bene le foto questi non sembrano granchi del genere Sesarma. A me sembrano tanto Neosarmatium. Sono granchi molto comuni dalla somalia fino al sud africa (compreso il madagascar) e vivono spesso insieme a Sesarma (Chiromantes) ortmanni e Cardisoma carnifex. Marco, non hai visto anche le tane dei Cardisoma? Dentro ci puoi trovare anche delle zanzare che si riproducono solo nelle loro tane. Un po' come succede nello yucatan dentro alle tane di Cardisoma guanhumi.

Ciao Enrico
 

misidori

Amministratore
Morgan ho molto materiale precedente l'ingresso del digitale nella mia vita di fotografo amatoriale,e quindi moltissime dia,
classificate in anche per nazione e naturalmente dei miei acquari nel tempo,per i granchi mi riferisco a circa 15 anni fà!!
Qualche foto del Malawi la sto digitalizzando ma è sempre un'operazione costosa se le dia sono migliaia,con il tempo vedremo,per il Messico ho fatto un piccolo articolo con le foto,che credo è in visione per il prossimo bollettino.

Enrico nella zona e foto erano presenti solo questa specie,non ho notato altri granchi,ma le zone sono vaste e magari spostandosi più a nord o a sud si trovano anche in ambienti comuni,per le znzare non ti dico,sudati come dei cotechini,
umidità altissima in mezzo a quell'acqua piena di ogni insetto,fastidiosissime le zanzare ho provato l'emozione di schiaffeggiarmi da solo...inevitabile quella tortura,se poi vuoi aggiungere mosquitos,ecc...nel gergo ti si mangiano,e non si resiste molto se non ai il vestito da astronauta.:3:
 

Morgan

Utente
Morgan ho molto materiale precedente l'ingresso del digitale nella mia vita di fotografo amatoriale,e quindi moltissime dia,
classificate in anche per nazione e naturalmente dei miei acquari nel tempo,per i granchi mi riferisco a circa 15 anni fà!!
Qualche foto del Malawi la sto digitalizzando ma è sempre un'operazione costosa se le dia sono migliaia,con il tempo vedremo,per il Messico ho fatto un piccolo articolo con le foto,che credo è in visione per il prossimo bollettino.

Capito Marco..fa niente..magari vengo un giorno a vederle a casa tua...:3:
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 3/2021
• Nanochromis transvestitus (Roberts & Stewart, 1984) Un nano colorato e affascinante del Congo di Michel Keijman
• Tropheus: guida pratica all’allevamento e alla riproduzione di Mauro Parimbelli

Arretrati

Raduno AIC 2021

Alto