• ATTENZIONE
    A seguito della migrazione dalla vecchia alla nuova piattaforma, se avete dei problemi di accesso, prima di fare dei nuovi account, inviate una email a segreteria@aiconline.it e risolvo il problema

Multifasciatus

Mi.Ca

Utente
Ciao a tutti, vorrei utilizzare una vasca 50x25 per ospitare una coppia di multifasciatus.

secondo voi posso utilizzare la sabbia presente? Dopo averla pulita da radici varie

IMG_2930.jpg


Oppure utilizzo della sabbia di fiume che ho già, questa ovviamente è calcarea mentre l'altra no, ma la cosa non dovrebbe essere un problema.
IMG_2931.jpg







infine per l’allestimento non inserisco nessuna roccia e per le conchiglie queste vanno bene?

s-l1600.jpg

Grazie.
 
La sabbia va bene anche quella presente,per pulirla ci penseranno i pesci nel senso che la rivolteranno per nascondere i loro gusci.

Volendo puoi usare quella nuova già pulita ed attendere la maturazione della vasca.

Le conchiglie difficile capire la grandezza sembrano delle turbo snail forse più adatte ai paguri...
 
ok domani inizio a svuotarlo... se la granulometria va bene quella che c'è la lascio. così praticamente è già maturo.:)

per le conchiglie si sono tra i 2 e i 3 cm e sono per i paguri, che dimensione dovrebbero avere?
 
I gusci delle Neothauma sarebbero quasi il massimo, ma non so se si riesce a trovarli, un buon ripiego secondo me sono i gusci delle Helix pomatia e dovrebbero andare bene e se li vuoi extra grandi trovi i gusci delle Helix lucorum, si trovano su internet già lavate e sterilizzate pronte all'uso anche se sono per uso alimentare. Io uso quelli.
 
Grazie Marco, si le Neothauma non riesco a trovarle facilmente, le altre si, meglio quelle più grandi? quante ne occorrono all'incirca?
 
Grazie Marco, si le Neothauma non riesco a trovarle facilmente, le altre si, meglio quelle più grandi? quante ne occorrono all'incirca?
In genere si riempie tutto il fondo di conchiglie a meno che non siano conchigliofili veri (i multi non lo sono) dove si lascia anche uno spazio sabbioso per sotterrare e rubarsi le conchiglie. Con i multi puoi usare tranquillamente i sassi (fai un fondo ciottoloso) che è l'ambiente che preferiscono. Oppure puoi usare anche gusci di lumache terrestri o marine. Nel tanganica ce ne sono di bellissimi che assomigliano molto a quelli marini, tipo tiphobia (questa assomiglia molto ai nostri murici) oppure limnotrochus, chytra, paramelania, stormsia, bulinus (quest'ultima però se trovi l'originale puà essere molto pericolosa), etc..Ciao Enrico
 
Come diceva Enrico se vuoi fare un "biotopo" il più fedele possibile alla realtà dovresti cercarti delle conchiglie provenienti dal lago Tanganica, ma come per le Neothauma non sono di facile reperibilità, (almeno: io non sono riuscito a trovarle malgrado per un bel periodo ci abbia provato, al limite se qualcheduno ci indichi un posto dove acquistarle...), io lascerei un piccolo spazio di sabbia (lo spazio a tua disposizione non è molto, altrimenti ti consiglierei di aggiungerci anche qualche sasso) e per il resto riempirei il fondo di conchiglie. Per quanto riguarda le Helix sopra elencate che ti ho consigliato le puoi prendere anche tutte e due e mischiarle le dimensioni sono entrambe valide.
 
ok, quindi o metto qualche roccia o lascio un po' di sabbia libera e poi tutto il resto conchiglie, il tutto proporzionato al mio poco spazio ovviamente. Farò qualche foto man mano che procede. Per le conchiglie prendo due confezioni medie e grandi, già le ho trovate sono un cinquantina totali, per le conchiglie tipiche del Tanganica le mie ricerche su internet non mi hanno portato a molto al momento e comunque se le Helix non sono un problema per i multifasciatus non c'è problema :)
 
ok, quindi o metto qualche roccia o lascio un po' di sabbia libera e poi tutto il resto conchiglie, il tutto proporzionato al mio poco spazio ovviamente. Farò qualche foto man mano che procede. Per le conchiglie prendo due confezioni medie e grandi, già le ho trovate sono un cinquantina totali, per le conchiglie tipiche del Tanganica le mie ricerche su internet non mi hanno portato a molto al momento e comunque se le Helix non sono un problema per i multifasciatus non c'è problema :)
Considera che in poco tempo avrai decine e decine di pesci per cui devono trovare una "casa". Più che roccia parliamo di sassetti di dimensioni conchiglia o poco più grandi. Le helix vanno benissimo, sono anche abbastanza resistenti e prima che si corrodano, se l'acqua non ha valori alti, passano almeno una dozzina di anni. Quelle del tanganica a parte le neothauma non le trovi in commercio. Ciao Enrico
 
grazie Enrico, se saranno decine e decine devono trovare una casa all'interno e una anche all'esterno credo :), comunque ordino le Helix e utilizzo dei ciottoli piccoli creando delle tane immagino.
 
Grazie Marco, si le Neothauma non riesco a trovarle facilmente, le altre si, meglio quelle più grandi? quante ne occorrono all'incirca?

Non è facile in Italia ..qualche volta le aveva Gianni http://www.leonde.eu/p1.asp?c=Neothauma_Tanganyicense___Tanganyika_&p=144&i=_6

Poi se vuoi fare una ricerca in altri lidi puoi chiedere anche a loro magari te le possono spedire vendono in tutto il mondo http://www.malacologia.org/

Se invece vuoi ripiegare su altri gusci di lumaca puoi usare sia quelli che trovi nelle catene di prodotti congelati,raccoglierle in campagna,o comprare quelle marine in qualche sito.

In passato ho usato anche gusci di Ampullaria o Pomacea che dir si voglia.
 
Non è facile in Italia ..qualche volta le aveva Gianni http://www.leonde.eu/p1.asp?c=Neothauma_Tanganyicense___Tanganyika_&p=144&i=_6

Poi se vuoi fare una ricerca in altri lidi puoi chiedere anche a loro magari te le possono spedire vendono in tutto il mondo http://www.malacologia.org/

Se invece vuoi ripiegare su altri gusci di lumaca puoi usare sia quelli che trovi nelle catene di prodotti congelati,raccoglierle in campagna,o comprare quelle marine in qualche sito.

In passato ho usato anche gusci di Ampullaria o Pomacea che dir si voglia.

Avevo visto già sul sito de Le Onde, ma alla fine penso che le Helix che mi sono state consigliate vadano bene.
 
ma alla fine penso che le Helix che mi sono state consigliate vadano bene.
Vanno benissimo. La procedura in teoria prevederebbe uno "sporcamento" del fondo, nel senso che dovresti far popolare conchiglie e sassetti da alghe verdi e diatomee (queste poi purtroppo tendono a sparire). Si crea un ambiente ideale per i pesci, specialmente i piccoli che hanno a disposizione microrganismi vari e batteri. A voler essere pignoli prima bisognerebbe giocare anche un po' al piccolo chimico, lavorare con i carbonati (nel tanga domina il magnesio sul calcio) e rendere la sabbia e le conchiglie molto duri. Si crea un fondo rigido e pieno di cavità e incrostazioni come in natura e si evitano eventuali crolli che la sabbia "molle" può provocare. Questo è un ambiente ideale anche per gli scavatori di tunnel tipo signatus e kungweensis, che riescono a crearsi gallerie, sempre se in futuro uno vuole ampliare la conoscenza dei piccoli lamprologini. Detto questo sabbia, conchiglie e sassetti non incrostati da carbonati e alghe vanno comunque bene per i multi che tendono ad alzarsi un po' dal fondo per nutrirsi come farebbero al lago con il plancton.Ciao Enrico
 
Vanno benissimo. La procedura in teoria prevederebbe uno "sporcamento" del fondo, nel senso che dovresti far popolare conchiglie e sassetti da alghe verdi e diatomee (queste poi purtroppo tendono a sparire). Si crea un ambiente ideale per i pesci, specialmente i piccoli che hanno a disposizione microrganismi vari e batteri. A voler essere pignoli prima bisognerebbe giocare anche un po' al piccolo chimico, lavorare con i carbonati (nel tanga domina il magnesio sul calcio) e rendere la sabbia e le conchiglie molto duri.


Grazie peri consigli e le informazioni, per l'acqua questi sono i valori della mia

Schermata 2018-02-25 alle 09.23.44.png

e il magnesio è basso rispetto al calcio effettivamente,

vanno comunque bene per i multi che tendono ad alzarsi un po' dal fondo per nutrirsi come farebbero al lago con il plancton


a proposito di nutrimento il mangime che uso per i ciclidi del Malawi non credo vada bene, su che tipo di cibo mi oriento. ho letto di naupli di artemia come vivo...
 
e il magnesio è basso rispetto al calcio effettivamente, a proposito di nutrimento il mangime che uso per i ciclidi del Malawi non credo vada bene, su che tipo di cibo mi oriento. ho letto di naupli di artemia come vivo...
E' normale, l'acqua europea, amazzonica o del malawi ha questi rapporti Ca-Mg mentre il lago tanganica ha rapporti inversi fra i due elementi. Nulla di preoccupante però, vivono tranquillamente anche a calcio più alto. Per l'alimentazione dipende da cosa usi per i malawi, potrebbe anche andar bene, bisogna leggere l'etichetta. I multi come tutti gli altri lamprologini vogliono un buon apporto proteico.Ciao Enrico
 
ok perfetto, allora lascio la situazione acqua invariata. per il cibo ho degli mbuna quindi uso perlopiù vegetale, prenderò del cibo specifico per Tanganika e alterno con del congelato, artemia e chironomus?? e poi vorrei iniziare ad allevare del vivo...

per l'allestimento ciottoli piccoli si intende di queste dimensioni

IMG_2934.jpg

o queste?

IMG_2935.jpg

E se ho ben capito per i multifasciatus si può pensare anche ad un allestimento cn soli "sassi" senza conchiglie?
 
Per l'acqua non ci sono problemi...per l'alimentazione è meglio variare il più possibile,evita il chironomus congelato per loro va bene l'artemia salina,mysys,dapnia,minikrill,ecc....una vasca di conchigliofili senza conchiglie e soli sassi non va bene,per le rocce puoi usare le piccole mettendo magari qualche pietra più grande poi molte conchiglie.
 
si ok, no nelle discussioni precedenti mi sembrava di aver capito che i multifasciatus non siano puramente dei conchiglioifli per questo chiedevo,
perfetto allora non appena arrivano le conchiglie inizio a cercare i multifasciatus...
 

Guida Ciclidi


Nuova edizione Ordinala

Anteprima bollettini


Numero 3/2023
• Tropheops sp. ‘macrophthalmus chitimba’ Chitimba Bay Deep, un giallo alternativo di Mattia Picciolo
• Il Belgio e il cuore dell’Africa – una visita al MRAC, Musée Royal de l’Afrique centrale di Enea Parimbelli
• La micobatteriosi nei pesci d’acquario, un problema complesso. di Gianpiero Nieddu
Arretrati

Indietro
Alto